Decollo e atterraggio

Con il parapendio non ci si butta nel vuoto ma si decolla da un pendio: il pilota stende e controlla la vela, imbraca il passeggero e se stesso ed aggancia entrambi alla vela uno dietro l'altro. Lungo il pendio erboso si inizia una breve corsa di pochi passi che serve per gonfiare la vela. Quando la vela è sopra la testa il pilota la controlla e dà il via libera per il decollo. In aria si è seduti nell'imbraco e la sensazione non è quella di cadere ma di girovagare dolcemente nell'aria. Il passeggero, a decollo avvenuto, può provare a pilotare il parapendio prendendo per alcuni minuti i comandi, oppure semplicemente godersi lo spettacolo e fotografare il panorama. Poco prima dell'atterraggio il pilota avvisa il passeggero di mettersi in posizione verticale e quindi frena dolcemente la vela fino ad arrestarla completamente: un passo e in punta di piedi pilota e passeggero sono atterrati al punto di partenza o giù in valle.